Ecografista

Dott.Talia Bartolo

Specialista in Radiodiagnostica

RICHIEDI INFORMAZIONI

Dott.Spagnolo Vincenzo

Medicina Interna

Ecografie

Cos’è l’ecografia?A cosa serve?

L’Ecografia è uno degli esami meno invasivi della Diagnostica per immagini , in grado di studiare i primi segnali di numerose patologie.

L’Ecografia è una metodica diagnostica non invasiva che sfrutta gli ultrasuoni emessi da particolari sonde appoggiate sulla cute del paziente.

E’ a tutti gli effetti un’indagine di tipo clinico : sebbene più approfondita e il cui obiettivo è lo studio dei segni delle patologie. Da ritenere come esame di primo livello nella stragrande maggioranza delle affezioni consente , infatti,di visualizzare gli organi permettendo al medico d’indirizzare gli eventuali , successivi passi diagnostici così da finalizzare il miglior percorso terapeutico.

La sua valenza è ampiamente riconosciuta in termini di prevenzione per esempio ,alle malattie della tiroide , del sistema linfatico,del fegato , dei reni ,del pancreas e di tutte le forme tumorali degli organi contenuti nell’addome (comprese vescica e prostata).Spesso consente di produrre diagnosi ancora prima che la patologia dia segno di sé e il paziente ne accusi i sintomi (oppure “rileva” cose di cui eravamo all’oscuro).

In ambito senologico l’esame di riferimento è dato dalla Mammografia.I Centri più avanzati e all’avanguardia eseguono sia la Mammografia sia l’Ecografia senologica in quanto metodiche complementari tra loro.

A sostegno di questa affermazione non possiamo dimenticare come vi siano alcune condizioni che possono essere indagate ‘quasi meglio’ dall’ecografia rispetto alla Mammografia e come ,viceversa ,vi siano situazioni in cui l’ecografia non riesca a “vedere” le tracce di una possibile lesione neoplastica .

Dal momento che l’esame ecografico permette di “dare un’occhiata” agli organi interni in modo non invasivo e rapido, può essere prescritto per una valutazione primaria di molte patologie o condizioni da monitorare. Ma vediamo quelle più comuni:

-          Per osservare utero e ovaie nelle donne in stato in gravidanza e valutare l’accrescimento del feto ;

-          Diagnosticare calcoli biliari o renali

-          Osservare il flusso sanguigno nei grossi vasi ( vene e arterie)

-          Evidenziare una neoformazione nel seno

-          Analizzare la ghiandola tiroidea

-          Rivelare anomalie nella vescica

-          Diagnosticare alcuni tipi di cancro

-          Individuare anomalie ,malformazioni ,cisti o noduli nell’apparato riproduttivo femminile (utero e ovaie)

-          Individuare anomalie nella prostata

-          Fungere da “guida” in caso in biopsia o in trattamenti mirati per alcuni tipi di tumore

 

Una delle ragioni per cui questo metodo è così ampiamente prescritto è la sua economicità , seguita dalla sicurezza .Non è un caso se spesso un’ecografia rappresenta il primo ,e decisamente attendibile se ben eseguito , test diagnostico da fare seguire solo se necessario da altri esami più precisi ma anche molto più costosi , come ad esempio la Tac o la Risonanza Magnetica .

Presso il nostro centro si eseguono le seguenti ecografie :

-Ecografie Muscolo tendinea o articolare è una metodica diagnostica finalizzata alla visione delle strutture articolari , delle fasce muscolari , dei tendini del corpo e eventuali loro alterazioni.

L’ecografia muscolo tendinea è in grado di indagare i tessuti molli e le strutture articolari (cartilagini , menischi,e membrane sinoviali) e periarticolari( tendini e legamenti).E’ indicata in caso di stiramenti e sospetti strappi muscolari , contusioni ,tendiniti ( a mano ,polso ,caviglia ,gomito,spalla,ginocchio,piede,tendine di achille) cisti,borsiti,ematomi intramuscolari o sottocutanei.

-Ecografia tiroidea è in grado di fornire informazioni precise su anatomia e vascolarizzazione della tiroide e rappresenta un passo fondamentale nella diagnostica e nel follow up terapeutico delle più importanti forme patologiche della tiroide .

-Ecografia Addome completo con questo esame si esplorano il fegato , la cistifellea,le vie biliari,la milza ,i reni,il pancreas,lo stomaco,i grossi vasi sanguigni,la vescica,l’utero,le ovaie e la prostata .L’esame viene impiegato per visualizzare la morfologia dei parenchimi e l’eventuale presenza di lesioni.Per esaminare la parte inferiore dell’addome è necessario che la vescica sia piena : per questo da due ore prima dell’esame è importante non urinare e bere acqua .

-Ecografia mammaria consente di individuare eventuali formazioni all’interno del seno e distinguere tra quelle a contenuto liquido a quelle a contenuto solido .Nelle donne più giovani , in cui il tessuto ghiandolare è più denso , i risultati dell’ecografia offrono maggiori informazioni rispetto a quelli della mammografia .

-Ecografia tessuti molli valuta le caratteristiche strutturali dei tessuti molli ovvero di epidermide derma ed ipoderma, e valutare eventuali lesioni della cute e del sottocute.Il compito dell’ecografia in questo caso è di valutare con precisione le dimensioni della lesione,la profondità di sviluppo e rapporti anatomici con eventuali vasi sanguinei .

Vengono svolte ecografia anche ai singoli organi interni.

RICHIEDI INFORMAZIONI